Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Legalizzazione di documenti

La legalizzazione è un requisito essenziale affinché un atto straniero possa produrre in Italia i suoi effetti legali.

Per i Paesi aderenti alla Convenzione dell’Aja del 5 ott. 1961, alla quale hanno aderito anche Italia e Argentina, la legalizzazione degli atti notarili, giudiziari e dello stato civile è sostituita dall’apposizione dell’Apostille.

Tanto la legalizzazione quanto l’Apostille consistono nella attestazione della qualifica legale del pubblico ufficiale (o funzionario) che ha sottoscritto l’atto, e l’autenticità del suo sigillo o timbro.

In Argentina, l’Apostille viene applicata, oltre che dal Ministero degli Affari Esteri, anche dai “Colegios de Escribanos” (Collegi notarili).

Nello specifico per la legalizzazione della firma del traduttore giurato, la stessa viene effettuata dal funzionario del “Colegio de Traductores” (albo dei traduttori) ed il visto di conformità di traduzione degli atti può essere sostituito con l’”Apostille dell’Aja” (cd. “doppia apostille”).

L’atto pubblico argentino verrà riconosciuto valido in Italia grazie all’Apostille apposta sul documento e sulla traduzione. Ciò consente ai cittadini argentini di non doversi più recare nei Consolati per la legalizzazione dei documenti.

Questo Consolato Generale non effettua traduzioni di nessun tipo di documentazione. Le stesse devono essere eseguite idealmente da un traduttore pubblico ufficiale.

 

Nel caso in cui si volesse usufruire del servizio di legalizzazione del Consolato è possibile richiedere i servizi di:

Legalizzazione firme depositate

È possibile legalizzare le seguenti firme depositate:

  • medici di riferimento;
  • funzionari del Collegio dei Traduttori di Buenos Aires.

L’interessato dovrà presentarsi con l’atto dove risulta la firma ed il timbro in originale.

 

Conformità delle traduzioni di atti non rilasciati dallo Stato Civile

  • Dichiarazione e/o Procura sottoscritta davanti a Notaio argentino

L’interessato dovrà presentarsi con l’originale della procura/dichiarazione perfezionata con le seguenti legalizzazioni, apposte nel seguente ordine :

  1. “Colegio de Escribanos”;
  2. “Apostille de La Haya” apposta dal Ministerio de Relaciones Exteriores; nel caso di procure sottoscritte davanti a un Notaio dell’Albo dei professionisiti della CABA la Apostille può essere apposta dallo stesso Colegio de Escribanos;
  3. traduzione in italiano (qualora fosse necessario reperire un traduttore si prega di consultare la seguente pagina: www.traductores.org.ar)

*Solo dopo aver perfezionato l’atto nel modo suindicato, potrà richiedere la conformità della traduzione.

  • Certificati Medici

Dovranno essere legalizzati dal Ministerio de Salud, apostillati dal Ministerio de Relaciones Exteriores o dal Colegio de Escribanos e tradotti integralmente in italiano.

  • Sentenze

Dovranno essere legalizzate dalla Cámara de Apelaciones, apostillate dal Ministerio de Relaciones Exteriores o dal Colegio de Escribanos e tradotte integralmente in italiano.

  • Precedenti Penali

Dovranno essere apostillati dal Ministerio de Relaciones Exteriores o dal Colegio de Escribanos e tradotti integralmente in italiano.

  • Copia conforme all’originale

L’interessato dovrà presentarsi con l’originale e la copia del documento da autenticare.

 

Appuntamenti

Gli appuntamenti sono resi disponibili ogni settimana, da domenica a giovedì, alle ore 19, tramite il portale Prenot@mi con l’opzione “Notarile”.

L’appuntamento è virtuale, in quanto nel giorno indicato dovrà essere consegnata la documentazione in formato word via email (notarile.buenosaires@esteri.it). Solo in un secondo momento, a seguito di contatto da parte dell’Ufficio, si potrà consegnare la documentazione in cartaceo.

Al fine di poter offrire un miglior servizio, si prega l’utente di indicare, al momento della prenotazione, il motivo esatto della sua richiesta e, nel caso specifico delle procure, l’oggetto della procura stessa.

 

Pagamento

La modalità del pagamento verrà comunicata al richiedente del servizio dall’Ufficio di competenza.

 

*Per conformità di traduzioni di atti di stato civile e naturalizzazione per matrimonio vedi l’apposita sezione.

 

Ulteriori informazioni