Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Autoveicoli e Patenti di guida

Rinnovo/Conversione Patente di Guida Italiana

Requisiti

Il rinnovo della patente italiana può essere richiesto esclusivamente da cittadini italiani residenti in questa circoscrizione consolare e regolarmente iscritti all’AIRE, ovvero da cittadini dimoranti all’estero per un periodo di almeno 6 mesi, o da cittadini iscritti nello schedario consolare con procedura avviata d’iscrizione all’AIRE.

Per poter rinnovare la patente, la stessa non deve essere scaduta da oltre 3 anni.

 

Documentazione

L’interessato dovrà presentarsi munito di:

  • documento valido di identità (DNI, Cédula Mercosur, passaporto e/o carta di’identità italiana);
  • una prova di effettiva residenza nella circoscrizione consolare (quale DNI anche se provvisorio o utenze);
  • patente guida in originale + 1 fotocopia;
  • certificato medico rilasciato da medico di riferimento di questo Consolato Generale. *Il certificato medico è a pagamento, a carico del richiedente e il costo va corrisposto direttamente al medico.

I medici di riferimento del Consolato sono:

Dr. EDUARDO MANZINI
Callao 492 – 8º “A”
C1022AAR C.A. Buenos Aires
Telefono: 4371-8812
Cellulare: 15  4420-4011

Dr. GUSTAVO MAID
Perón 4190 – Buenos Aires
Telefono: 6064-4544
Cellulare: 15 5341 7025

 

Richiesta Radiazione dal PRA (Pubblico Registro Automobilistico)

In caso di richiesta di radiazione per definitiva esportazione all’estero l’interessato/avente titolo dovrà presentare all’Ufficio Notarile i seguenti documenti:

  • nota di presentazione della formalità – se in possesso del Certificato di Proprietà, come nota viene utilizzato il retro del Certificato. In assenza del Certificato di proprietà dovrà utilizzare la nota NP3 C in doppio originale, scaricabile dal sito. La nota deve essere compilata e sottoscritta dall’intestatario/avente titolo;
  • fotocopia della carta di circolazione estera emessa dallo Stato dove il veicolo esportato è stato reimmatricolato o attestazione di avvenuto ritiro della carta di circolazione italiana a seguito di reimmatricolazione estera rilasciato dalle competenti autorità. Se il veicolo è stato esportato in un Paese extra Unione Europea, occorre anche la traduzione dei suddetti documenti.
  • carta di circolazione italiana in originale – i Paesi extra UE in alcuni casi possono restituire la carta di circolazione originale italiana.  In tali casi si dovrà presentare la carta di circolazione in originale;
  • certificato di Proprietà (CdP)/Foglio Complementare – se il CdP e’ stato ritirato dall’autorità estera che ha reimmatricolato il veicolo. Il titolare deve sottoscrivere una Dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui si dichiara che il CdP è stato ritirato dalle autorità estere;
  • targhe – in caso di radiazione effettuata dopo la re-immatricolazione all’estero non è necessario restituire le targhe originarie italiane. Qualora il titolare presentasse le targhe italiane, perché le Autorità estere le hanno restituite alla parte in fase di re immatricolazione, il Consolato provvede al ritiro ed alla distruzione inviando al PRA una dichiarazione di avvenuto ritiro e distruzione;
  • titolo di vendita – se la radiazione è presentata da un soggetto non intestatario al PRA dovrà essere allegato il titolo di vendita in originale;
  • fotocopia del documento di identità/riconoscimento;
  • copia della ricevuta del vaglia internazionale o del bonifico bancario.

 

Appuntamenti

Gli appuntamenti sono resi disponibili ogni settimana, da domenica a giovedì, alle ore 19, tramite il portale Prenot@mi con l’opzione “Notarile”.

L’appuntamento è virtuale, in quanto nel giorno indicato dovrà essere consegnata la documentazione in formato word via email (notarile.buenosaires@esteri.it). Solo in un secondo momento, a seguito di contatto da parte dell’Ufficio, si potrà consegnare la documentazione in cartaceo.

 

Pagamento

La modalità del pagamento verrà comunicata al richiedente del servizio dall’Ufficio di competenza.

Ulteriori informazioni

 

Informazioni utili su altre pratiche non realizzate da questo Consolato Generale:

Validità della patente Italiana per residenti temporanei

Per circolare temporaneamente in Argentina occorre essere in possesso della patente internazionale (permesso internazionale di guida) accompagnata da quella italiana in corso di validità. Lo scopo della patente internazionale è quello di fornire alle Autorità straniere l’esatta interpretazione della patente di guida in possesso del titolare.

La patente, o permesso internazionale, è un documento per guidare in tutti i Paesi europei ed in alcuni extra-europei. Viene rilasciata dagli Uffici della motorizzazione e deve essere sempre accompagnata dalla patente italiana in corso di validità.

Analogamente per brevi soggiorni in Italia (ad esempio per vacanze) è sufficiente munirsi della traduzione ufficiale della patente di guida da esibire a richiesta degli organi di sicurezza italiani. In caso di rientro definitivo, si può guidare in Italia con la patente straniera fino ad un anno massimo dalla data di rientro, dopodiché occorrerà richiedere la sostituzione della patente estera ottenuta in sede di conversione.

 

Conversione della Patente di Guida italiana in “Registro de Conducir” argentino

Coloro che trasferiscono la residenza dall’Italia all’Argentina possono richiedere la conversione della patente di guida italiana in “licencia de conducir argentina” senza sostenere esami. La richiesta va presentata alla DIRECCIÓN DE TRÁNSITO.

L’utente che desideri procedere alla conversione della sua patente di guida italiana in Argentina, al fine di ottenere l’attestazione contenente i dati della patente di cui è titolare, dovrà presentare, direttamente o tramite delegato, apposita istanza presso gli Uffici della Motorizzazione Civile, corredata della documentazione attestante il versamento dell’imposta di bollo e dei diritti previsti da disposizioni di legge.

Visto che tale attività di certificazione non è legata né al luogo di residenza del richiedente, né all’Ufficio della Motorizzazione Civile che ha rilasciato la patente, sarà possibile rivolgersi indifferentemente a qualsiasi Ufficio della Motorizzazione sul territorio italiano.

Tale certificato, per avere valore legale, deve essere “Apostillato” in Italia e dovrà essere tradotto in Argentina da un traduttore pubblico. Ove richiesto, questo Consolato provvederà ad autenticare la firma del delegante.

Documentazione

  • certificato rilasciato dalla Policia Federal attestante il domicilio in CABA;
  • passaporto e DNI;
  • patente Italiana e traduzione allo spagnolo da traduttore pubblico;
  • certificato, rilasciato dall’Ufficio della Motorizzazione italiana che ha emesso la patente, che attesti la validità della stessa, apostillato in Italia e tradotto allo spagnolo da traduttore pubblico.

*La validità di tale documento coincide con la scadenza del visto temporaneo di entrata in Argentina.

 

Conversione del “Registro de Conducir argentino” in Patente di Guida italiana

Al fine di poter svolgere presso le competenti Autorità italiane le pratiche relative alla conversione della patente argentina in quella italiana, il titolare dovrà presentare presso la Rappresentanza Consolare della Repubblica Argentina in territorio italiano:

  • “certificado de legalidad” emesso dalla “Dirección de Tránsito” che a suo tempo ha rilasciato la patente guida. *Tale Certificato dovrà essere apostillado dal Ministerio de Relaciones Exteriores o Colegio de Escribanos e tradotto al italiano;
  • passaporto argentino in corso di validità e/o DNI + fotocopia;
  • certificato di residenza italiano (rilasciato dal Comune competente territorialmente).

*Si prega comunque di confermare i requisiti sopra riportati direttamente ai recapiti delle Rappresentanze Consolari Argentine in Italia competente territorialmente in base alla residenza del richiedente.