Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Ricostruzione

Requisiti

Secondo la legge n. 91/1992, è cittadino per nascita il figlio di padre o di madre cittadini. Tale regola generale è, tuttavia, soggetta alla verifica di alcuni presupposti giuridici e fattuali:

  • se l’avo dante causa è nato prima del 17 marzo 1861 (data di proclamazione del Regno d’Italia), la trasmissione dello status civitatis è possibile solo nell’ipotesi in cui lo stesso non sia deceduto prima di tale data o prima dell’annessione del territorio di nascita al Regno d’Italia;
  • il riconoscimento per via amministrativa del possesso della cittadinanza italiana per linea materna è possibile solo per i figli nati dopo il 1º gennaio 1948;
  • se l’ascendente italiano si è naturalizzato cittadino straniero prima del 1° luglio 1912 (data di entrata in vigore della legge n. 555/1912):
    • la trasmissione della cittadinanza italiana si interrompe se il discendente è minorenne alla data della naturalizzazione del genitore;
  • se l’ascendente italiano si è naturalizzato a partire dal 1° luglio 1912 e prima del 16 agosto 1992 (data di entrata in vigore della legge n. 91):
    • la trasmissione della cittadinanza si interrompe se il discendente successivo nasce successivamente alla data di naturalizzazione, a meno che il predetto genitore abbia effettuato il riacquisto prima della maggiore età del discendente;
  • nel caso in cui gli ascendenti in linea retta abbiano acquistato volontariamente un’altra cittadinanza prima del 16 agosto 1992, anche in assenza di formale rinuncia, essi hanno perso automaticamente la cittadinanza italiana;
  • al momento della sottoscrizione dell’istanza, il richiedente dovrà risultare residente nella Circoscrizione Consolare, ininterrottamente, da almeno 6 mesi antecedenti alla prenotazione del turno.

Riferimenti normativi

Documentazione

Il giorno dell’appuntamento il richiedente dovrà consegnare tutta la documentazione in originale o in formato GEDO, debitamente legalizzata, laddove necessario, e tradotta in italiano. I documenti richiesti non hanno scadenza e non verranno restituiti.

Tali documenti comprendono:

  • Istanza di riconoscimento, compilata dal richiedente e da firmare il giorno dell’appuntamento davanti all’Ufficiale Consolare;
  • Albero genealogico;
  • Documentazione relativa alle singole generazioni:

  • Avo dante causa (ultimo ascendente italiano nato in Italia):
      • Atto di nascita * (da richiedere al Comune italiano di nascita):
        • recante i nomi dei genitori;
        • in originale, firmato e timbrato dall’Ufficiale di Stato Civile;

* Qualora l’avo dante causa fosse nato prima dell’istituzione dello Stato Civile presso il Comune di nascita, si dovrà presentare il Certificato di Battesimo:

        • in originale, firmato e timbrato dall’ufficio parrocchiale;
        • legalizzato dalla Curia Vescovile competente;
      • Atti di Stato Civile * (matrimonio, morte) o “partidas” (non certificati):
        • in originale o formato GEDO;
        • apostillati se formati in uno Stato diverso da Italia e Argentina;
        • tradotti in lingua italiana (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);

* Qualora l’avo dante causa si fosse coniugato o fosse deceduto prima dell’istituzione dello Stato Civile, i relativi Atti parrocchiali dovranno essere presentati:

        • in originale, firmati e timbrati dall’ufficio parrocchiale;
        • legalizzati dalla Curia Vescovile competente;
        • apostillati (se non formati in Italia):
        • tradotti in lingua italiana, (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);
      • Certificato di “non naturalizzazione”:
        • rilasciato dall’Autorità competente di ciascuno Stato di residenza dell’avo dante causa (per l’Argentina, l’Autorità competente è la “Cámara Nacional Electoral”);
        • se rilasciato in uno Stato diverso dall’Argentina, apostillato e tradotto in lingua italiana (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata);
  • Ascendenti in linea retta successivi all’Avo italiano, i cui atti di Stato Civile sono formati all’estero:
      • Atti di Stato Civile* (nascita, matrimonio/unione civile, morte) o “partidas” (non certificati):
        • in originale o in formato GEDO;
        • apostillati, se formati in uno Stato diverso dall’Argentina;
        • tradotti in lingua italiana (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);

* Per le generazioni nate e/o coniugate e/o decedute prima dell’istituzione del Registro Civile, i relativi Atti Parrocchiali dovranno essere presentati:

        • in originale, firmati e timbrati dall’ufficio parrocchiale;
        • legalizzati dalla Curia Vescovile competente;
        • apostillati;
        • tradotti in lingua italiana (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);
      • Certificato di “non naturalizzazione”:
        • rilasciato dall’Autorità competente di ciascuno Stato di residenza (per l’Argentina, l’Autorità competente è la “Cámara Nacional Electoral”);
        • se rilasciato in uno Stato diverso dall’Argentina, apostillato e tradotto in lingua italiana (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata);
      • copia del DNI (per le generazioni ancora in vita);

 

Richiedente:

    • Atti di Stato Civile (nascita, matrimonio/unione civile) o “partidas” (non certificati):
      • in originale o in formato GEDO;
      • apostillati se formati in uno Stato diverso dall’Argentina;
      • tradotti in italiano (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);
    • eventuali sentenze (ad esempio di adozione, riconoscimento giudiziale, divorzio) dovranno essere presentate:
      • in originale e in formato integrale (devono riportare AUTOS; VISTOS; CONSIDERANDO; FALLO);
      • recanti “Attestazione di passaggio in giudicato” (vale a dire che la sentenza è “FIRME”, o “CONSENTIDA”, o “EJECUTORADA” o che riveste il carattere di “COSA JUZGADA”, con indicazione della data a partire dalla quale la sentenza è definitiva);
      • apostillate;
      • tradotte in lingua italiana (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);
      • corredate da “Istanza di trascrizione” debitamente firmata dall’istante;

*SENTENZA DI ADOZIONE: deve specificare lo stato di abbandono del minore o l’autorizzazione del o dei genitori biologici ai fini dell’adozione;

*SENTENZA DI DIVORZIO: in presenza di figli minori, deve specificare il regime di affidamento degli stessi;

    • eventuali Atti di nascita di figli minorenni o “partidas” (non certificati):
      • in originale o formato GEDO;
      • apostillati se formati in uno Stato diverso dall’Argentina;
      • tradotti in italiano (la traduzione dovrà essere effettuata nello Stato dove l’atto è formato e debitamente legalizzata se non effettuata in Argentina);
    • copia del DNI;
    • prova di residenza entro la Circoscrizione Consolare (servizio di luce, gas, telefono, televisione via cavo, internet e/o contratto di locazione, che accreditino l’indirizzo di residenza a partire dai 6 mesi antecedenti alla prenotazione dell’appuntamento)

La mancata presentazione di tale documentazione comporterà evidenti lacune che potrebbero condurre al rigetto dell’istanza, ove non sanate. L’Ufficio si riserva di richiedere ulteriori evidenze e documentazione di supporto una volta valutato il caso.

Tempi di trattazione delle domande

Per quanto riguarda le tempistiche di lavorazione delle istanze, ai sensi del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 gennaio 2914, n. 33, il termine massimo è fissato in 730 giorni.

Appuntamenti

Gli appuntamenti sono resi disponibili ogni settimana, da domenica a giovedì, alle ore 19, tramite il portale Prenot@mi con l’opzione “Ricostruzione“.

Nell’ambito dell’azione di protezione del sistema ‘’Prenot@mi’’ volta ad evitare la captazione di turni da parte di soggetti esterni, tutti i turni cancellati riconducibili a tali soggetti saranno resi nuovamente disponibili all’utenza con tempistiche non prevedibili e casuali.

Si invitano dunque gli utenti a provare a collegarsi – oltre che nei giorni e orari sopra indicati, che verranno mantenuti – anche in ogni altro momento della settimana.     

Si ricorda che dovrà essere prenotato un appuntamento per ogni persona maggiore di 18 anni e che per la trattazione della domanda di riconoscimento della cittadinanza italiana di ogni persona maggiorenne saranno percepiti diritti consolari pari ad euro €300 da pagare in pesos al cambio consolare ufficiale.

Il contributo è dovuto per la trattazione della pratica, indipendentemente dall’esito della trattazione. Nel caso di mancato riconoscimento l’importo pagato non sarà restituito.

Pagamento

Il pagamento viene effettuato esclusivamente tramite bonifico bancario in Pesos argentini per l’importo vigente alla data dell’appuntamento, reperibile alla pagina web di questo Consolato Generale, al seguente link: Tariffe Consolari.

Le istruzioni saranno ricevute via email prima della data dell’appuntamento.

 

Email: cittadinanza.buenosaires@esteri.it